Perchè un blog?

La domanda è sempre stata ricorrente. Se ne è parlato nei micro barcamp, se ne parla in rete, se ne discute " a voce". Un blog personale o di servizio che sia, è pur sempre uno spaccato di vita, questo è indubbio. Che sia poi socialmente utile, è un altro paio di maniche.
Già di suo, seppur impostato come un diario personale è socialmente utile a chi lo scrive per sputare fuori quello che si ha dentro. Insomma, la visione è decisamente oggettiva e personale.
Sta di fatto che stamattina leggendo il corriere, mi sono compiaciuta dell'idea di un blog letterario. Oddio, forse ne esistono già e sicuramente autorevoli (qui si denota una certa ignoranza in merito :-)), ma l'idea che il caro e vecchio George Orwell arrivi sulla rete con i suoi diari cartacei, mi stuzzica decisamente una parte di intelletto.
Fino al 2012 un post al giorno sulle considerazioni del grande scrittore di Animals Farm...beh che dire, io personalmente ci andrò, eccome!

Commenti

Post popolari in questo blog

Charlie finalmente morirà (e no, non è stato anche figlio tuo): quando il silenzio non c'è

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Cosa colpisce la tiroide? Ecco gli organi bersagliati quando non funziona bene