Video che passione! O che tortura?



Ormai è passato un anno dal mio incontro con il web, e a dire la verità anche lo scontro con una telecamera. Nel senso che non è che non avessi mai realizzato filmini matoriali (oddio, no! non parlo di porno...) ma usarla per lavoro è un'altra cosa.
Il mio capo, fin dall'inizio, nel mettermi a seguire un blog aziendale legato a una rivista, ha avuto la brillantissima idea di filmare tutto e di metterlo online. Già, senza avere alle spalle nessun tipo di consocenza "tecnica a riguardo". Ecco dunque l'entrata nel fantastico mondo del Video Editing. Prima passando da YuoTube e poi dalla piattaforma nostra attuale.

E uno dice che ci vuole? E già...ma uplodarli, montarli, tagliarli...e i sottotitoli e le dissolvenze e la musica che deve finire e iniziare nel punto giusto. Aiuto!!!
E qui vi sfodero una lista di programmi, che sembra la mia lista della spesa dopo due settimane che non frequento l'Esselunga: Sony Vegas, Movie Maker, Captur Wizard, Shrink, Any Converter Video (vogliamo dimenticarci il passaggio dell'encoding?), per poi passare ai classici player come Quick Time, Real Player, Windows Media Player, e tutti gli altri che non ricordo.

A dire la verità non so neanche se i nomi che ho scritto sono giusti...ho talmente tanti programmi al lavoro che i nomi mi sfuggono. E giusto venerdi mi hanno aumentato la memoria del pc, meno male!!!!
Sta di fatto che ormai mi sento un video-editing più che una giornalista.
E qui parte la domanda: ma quanto sono utili nel web i video e quanto sono davvero filati dagli utenti se non su YouTube?
No perchè, tra l'altro pensavo, se ho risposte positive quasi quasi mi faccio cambiare il contratto dal mio capo! :-)

Commenti

  1. non ho capito cosa centra questo tuo intervento con il mio video :D

    RispondiElimina
  2. Il commento non c'entra nulla con il tuo video...ma mi piaceva e l'ho postato...:-) Ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Malattie autoimmuni: la Tiroidite di Hashimoto ha un rischio di 5 volte superiore, di sviluppare una seconda malattia autoimmune

30 anni di gift: e Facebook li inserisce nei commenti