16 aprile 2010





Non voglio pensare a ieri, non voglio pensare a solo sei mesi fa. Non mi spingo tanto indietro... C'è chi sorride e festeggia. Io no. Sono stata vivisezionata.

Spesso si parla dei maltrattamenti agli animali. Li ho sempre difesi, sempre lo faró... Ma quando qualcuno gioca mettendoti una bomba nel cuore, ti strappa il sorriso e se lo conserva in tasca, ti spappola l'anima x vedere quanto sei debole e ti abbandona lungo la strada? Chi ti difende?

Io non sono piú me stessa. Guardo indietro e vedo il baratro, guardo il presente e vedo enormi statue di gesso circondarmi inerti. Tutto chiaro certo, gli occhi non filtrano piú il tuo nome.

Ma le lacrime continuano a esserci per le tue parole che ogni giorno sono lame su una finta faccia sorridente di opportunismo...

Avevo una vita imperfetta ma felice. Ora ho una vita quasi perfetta ma infelice. Odio et Amo. Ma l'acqua in cui ti sei giá bagnato, diventa veleno se è sempre la stessa a essere usata. Peccato. Continui a mancarmi.

Peccato, continuo a odiarti.


- Posted using BlogPress from my iPhone

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Io ero, sono, sarò: quando il tumore NON ti rende meno donna

Facile finché non ti sfiora. Facile anche non pensarci finché va tutto bene. Eppure il tumore , che a definirlo cancro in effetti fa pi...