Le scelte. Consapevoli di rotture definitive.


Non è poi così semplice scegliere.
O meglio, scegliere razionalizzando le situazioni.
Premessa: sono stufa, ne ho piene le palle di chiunque. Sopratutto di una situazione in sospeso, almeno per me. Ma ho paura di chiudere tutto. In modo definitivo.

Perchè comunque una parte mi arriva e non so se sono pronta a non riceverla più del tutto. Ho ancora bisogno di tempo per ragionare, ma ormai di tempo non ce ne è più. E voglio chiudere.

Vicina alla rottura. Questo è quanto. Addio.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Charlie finalmente morirà (e no, non è stato anche figlio tuo): quando il silenzio non c'è

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Cosa colpisce la tiroide? Ecco gli organi bersagliati quando non funziona bene