Le anime sono destinate a trovarsi prima o poi


A volte mi domando che cosa faccia incontrare le persone.

Quale disegno ci sia dietro per conoscere qualcuno completamente fuori dal mondo di monotonia che generalmente si vive.

Si perchè seppur ricco di eventi, spunti, emozioni... è pur sempre una monotonia ripetuta, quella di ognuno di noi. Non penso che questa parola sia sempre negativa.

Alla fine una monotonia "voluta" è quella che ti fa sentire un po' più a casa.

E per me "casa" è una sicurezza. Non solo in termini di costruzione.

Ci sono momenti in cui, questa casa si trasferisce, per breve o lungo tempo negli occhi di qualcuno che incontri per caso.

Un attimo, qualche parola, pensieri in libertà. E ci costruisci dentro un angolo con dei grandissimi cuscini su cui riposare.

Qualcuno che ti sta accanto da anni e con cui puoi realizzare pareti, mobili, angoli e qualcuno che ti starà accanto forse per poco, dove costruire solo un piccolo angolo dove accucciarti per sognare.

Poco importa che sia donna o uomo. Ma deve diventare "casa".

Un casa senza pareti questa, dove sentire il vento sul viso, guardare notti di luna piena e mangiare schifezze. Dove sentirsi in piena libertà, dove camminare scalzi senza aver paura di cocci taglienti.

Perchè sai che è come una casa delle vacanze, dove non potrai vivere per sempre....

Che poi il tempo sia un galantuomo e sistemi al meglio le cose, questo è un altro discorso.

E allora mi ridomando: cos'è che fa incontrare queste persone?

C'è una frase di uno scrittore che amo spudoratamente:


"Non so esattamente cosa spinga due persone a legarsi. 
Forse la sintonia, forse le risate, forse le parole. 
Probabilmente l'incominciare a condividere qualcosa in più, a parlare un po' di sè, a scoprire pian piano quel che il cuore cela. 
O forse accade perchè doveva accadere. 
Perchè le anime son destinate a trovarsi, prima o poi.

Paulo Coelho"

La vedo anche io così, e mai come in questo periodo sono convinta che le coincidenze non esistano, sono vie percorribili, sta a noi scegliere e a capire.

Ci sono fili conduttori che non conosciamo, che arrivano tramite altri percorsi, ma che ti trovi di colpo legati al polso, come un palloncino colorato.

Legami che creano legami, che aprono porte, che raccontano sogni ed emozioni.

Forse è molto semplice la risposta alla mie domande, forse è vero che "Le anime sono destinate a trovarsi prima o poi........."






Commenti

  1. Ciao! Mi chiamo Stefania Carannante, ti scrivo per avvertirti che la citazione "Non so esattamente cosa spinga due persone a legarsi" è erroneamente attribuita a Paulo C. Ti scrivo perché, in verità, l'ho scritto io nel 2010, sulla mia pagina di facebook. Ti chiederei, gentilmente, di mettere il mio nome e di aiutarmi in questa battaglia. I motivi per cui devi credermi sono i seguenti:
    1. L'ho scritta nel 2010, e se tu vai a vedere su internet tutte le pagine che l'hanno scopiazzata l'hanno fatto SOLO dal 2011 in poi.
    2. Non ci metterei la faccia in una cosa del genere, voglio dire, se non fosse mia perché rompere a chissà quante persone?
    3. Nessuno è riuscito mai a dirmi pagina e capitolo esatti in cui questo breve testo fosse contenuto, anzi, un mio fan dopo aver letto i presunti libri "brida" e "undici minuti" mi ha chiesto scusa perché non l'ha trovata.
    Grazie per l'attenzione, spero tu possa capirmi ed aiutarmi.
    Ps: questo è il mio link:
    https://www.facebook.com/notes/l%C3%ADf%D1%94-%C3%ADs-%D1%94%CE%B1s%D1%87-%C3%ADf-%D1%87%CF%83u-w%D1%94%CE%B1r-%CE%B1-sm%C3%ADl%D1%94/non-so-esattamente-cosa-spinga-due-persone-a-legarsi/451717028233

    RispondiElimina
  2. Stefania li ho letti anche io, ma sinceramente non ricordo... Mi permetto di andare anche io a rivedere ma pubblico il tuo commento così com'è, in modo che chiunque possa esserne a conoscenza.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Malattie autoimmuni: la Tiroidite di Hashimoto ha un rischio di 5 volte superiore, di sviluppare una seconda malattia autoimmune

30 anni di gift: e Facebook li inserisce nei commenti