Tu



Ti ho aspettato, oggi come ieri e come ti aspetterò domani.

Seduta nel vento in riva al fiume.

Il colore dell'acqua rifletteva il tuo sguardo, quello sguardo che non mi abbandona da quando l'ho incontrato per la prima volta.

Ti sento in questo tramonto che porta via il sole, come ogni notte porta via una parte di te.

Ti sto ancora aspettando.

E poi, come ogni giorno, ritorni prepotentemente insieme a quella luna, che appena arriva il buio illumina la notte dei miei pensieri.

Resto seduta nel vento ad assaporare il tuo profumo che sale veloce nella testa e poi scende lento e inesorabile fino al cuore.

Tu che non ci sei, tu che sei a volte così lontano che l'anima perde la speranza di vederti.

Non riesco ad alzarmi per andare via...

Gli alberi si piegano contro questo vento che vuole spazzarti via dalla mente, ma che nulla può contro il più piccolo e leggero dei fiori quando decide che deve sopravvivere.

I colori si mischiano nel cielo.

Spruzzi di battiti d'ali si rincorrono tra le nuvole, mentre si placa la sua forza.

Spengo l'ultima sigaretta e accendo l'ultimo ricordo.

Ti porto con me, ovunque andrò.


Commenti

Post popolari in questo blog

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Malattie autoimmuni: la Tiroidite di Hashimoto ha un rischio di 5 volte superiore, di sviluppare una seconda malattia autoimmune

30 anni di gift: e Facebook li inserisce nei commenti