Sempre, quando penso a "noi".

Ma quando ti viene quella voglia di piangere pazzesca, 
che proprio ti strizza tutto, che non la riesci a fermare, 
allora non c'è verso di spiaccicare una sola parola, 
non esce più niente, ti torna tutto indietro, tutto dentro, 

ingoiato da quei dannati singhiozzi, 
naufragato nel silenzio di quelle stupide lacrime. 
Maledizione. Con tutto quello che uno vorrebbe dire... 
E invece niente, non esce fuori niente. 
Si può essere fatti peggio di così?
-Alessandro Baricco-

Commenti

Post popolari in questo blog

Charlie finalmente morirà (e no, non è stato anche figlio tuo): quando il silenzio non c'è

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Cosa colpisce la tiroide? Ecco gli organi bersagliati quando non funziona bene