Lui era una di quelle cose che....


Lo sapevo dall'inizio che sarebbe finita così.

Era una di quelle situazioni che già conosci, che già sai come iniziano e come finiscono, ma ci provi comunque.

Era una di quelle sensazioni che ancora non capisci bene, allora ti ci infili, ti fai prendere, ma sai già come finiscono.

Lui era una di quelle persone che si fa voler bene dopo una settimana, una di quelle subito speciali, in grado di cambiarti la giornata.

Ma sai già tutto.

Va a finire che ti fidi, anche se sai che sbagli, va a finire che ci caschi, anche se sai che ti farai male.

Una di quelle che ti porta lontano, ti fa viaggiare anche se sei ferma nella tua vita.

Una di quelle che pensi che il sogno, finalmente, si avveri.


Una di quelle cose che comporta inevitabilmente lo star male, ma le fai comunque.

Una di quelle cose per le quali vuoi rischiare.

Una di quelle, che tra le tante, sceglierai un milione di volte.

Anche se farà male, anche se ci perdi, anche se sbagli.


Lui era una di quelle persone che si faceva scegliere, che ti corrodeva mentre ti voleva bene.

Era uno un po’ strano, non riuscivi mai completamente a capirlo, non sapevi cosa gli passava per la testa.

Ma a modo suo, si faceva voler bene, ti attirava, ti attraeva.

Era una di quelle persone che ti dice “sei la migliore” e lo pensa davvero...

......Finché non arriva qualcuna migliore di te.

Commenti

Post popolari in questo blog

Charlie finalmente morirà (e no, non è stato anche figlio tuo): quando il silenzio non c'è

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Cosa colpisce la tiroide? Ecco gli organi bersagliati quando non funziona bene