Così è.



Sono arrabbiata, vorrei urlare, scrivere le cose peggiori, tanto so che non cambierebbe nulla. Ma non lo farò, non perchè non posso o altro, ma ho scelto semplicemente di non farlo.

Di non dare più soddisfazioni o appigli per essere attaccata. Da nessuna parte. Ho deciso di fare una scelta di persone nella mia vita. E che siano loro a venirmi a cercare senza dargli il lasciapassare gratuito. I cerchi sono molti prima di raggiungermi. Non è un'esclusiva questo concetto. Quello che mi è stato insegnato è servito a qualcosa. Ma è una lama a doppio taglio.

Io so quale è stato il cammino. E c'è una limpidità che brucia gli occhi. Mi sono indurita molto e mi dispiace per chi di questo ne sta soffrendo e sta alla fine sopportando tutto. Ma certi passaggi di vita non si scordano. E' inevitabile. Da qualsiasi parte essi arrivino o siano stati vissuti.

Ora tocca a me. Prima o poi la ruota, come sempre, girerà. E' solo questione di tempo e di come affrontare i problemi. Ci sono molti modi, sta a me scegliere quello giusto. Per una volta non voglio essere impulsiva, non ho nessuna fretta. Nel frattempo, scordatevi che io esista. Grazie.

Commenti

Post popolari in questo blog

Charlie finalmente morirà (e no, non è stato anche figlio tuo): quando il silenzio non c'è

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Cosa colpisce la tiroide? Ecco gli organi bersagliati quando non funziona bene