Ali d'Angelo: attenzione alla nuova moda dell'estate sui social




Ali d'Angelo o in origina ribcage bragging: vantarsi della propria gabbia toracica mostrando le costole. La nuova mania che spopola sui social è tutt'altro che positiva per questa estate 2017.

Pericolosa? Di sicuro. Perché? Semplicemente devi essere molto magro per mostrare delle Ali di grande impatto. Non basta inarcare la schiena come posizione ad hoc per mostrare il mostrabile, non servono micro costumi che nascondono ben poco: ci vuole poca ciccia addosso.

E meno se ne ha, più si vedono.

E ovviamente vuoi che le star non ci diano una mano a far spopolare una moda stupida e pericolosa? Ecco su Instagram le Ali d'Angelo di Emily Ratajkowski, Kendall Jenner, Anna Tatangelo, Rita Ora e Elisabetta Canalis non sono da meno.


Un post condiviso da Emily Ratajkowski (@emrata) in data:

Un post condiviso da Kendall (@kendalljenner) in data:

Un post condiviso da Anna Tatangelo (@annatatangeloofficial) in data:

Un post condiviso da Elisabetta Canalis (@littlecrumb_) in data:

Non sono solo le star a fare spettacolo sui loro account: è stato creato un profilo ad hoc (https://www.instagram.com/ribcagebragging/?hl=it) abbastanza inquietante, nonché siano presenti fotografie di bellezze indiscusse. Il problema sarà sempre quello della ripercussione sulle giovani e giovanissime, che già qualche problema con il culto del bello (e del loro corpo), lo hanno già

Per ora la ricerca su Instagram conta di "soli" 420 post ma pare in aumento (https://www.instagram.com/explore/tags/ribcagebragging/?hl=it). Non è il primo anno che spopola qualche moda dedicata al corpo: si è postato il tight gap (ovvero lo spazio tra le cosce), di bikini bridge (lo spazio tra pancia e costume se si hanno le anche sporgenti), di belly slot, il solco sul ventre.

Quest'anno hanno inventato le ali, peccato non siano quelle sulla schiena ma qualcosa di ben più pericoloso.

Far passare una volta come moda un eccesso e non un difetto?


Commenti

Post popolari in questo blog

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Malattie autoimmuni: la Tiroidite di Hashimoto ha un rischio di 5 volte superiore, di sviluppare una seconda malattia autoimmune

30 anni di gift: e Facebook li inserisce nei commenti