E se il tradimento fosse solo questione di genetica?



Nuova scusa pronta in arrivo per tutti coloro che proprio non riescono a tenere il piede in un unica scarpa.

Pare che da una recente ricerca dell'Università di Stoccolma ci sia una correlazione tra i geni e la possibilità di un tradimento. Se avete già avuto casi in famiglia, la situazione è praticamente scontata: tradirete anche voi. Perché? Si parla addirittura di una variazione dell'ormone vasopressina, rilasciato dall'ipotalamo: questo ormone, insieme all'ossitocina vengono definiti anche "ormoni dell'amore".

Ma d'altronde anche chi ha la passione sfrenata per il sesso, pare che abbia una via preferenziale per non fermarsi soltanto a un partner, bensì di ampliare le sue vocazioni. Se poi, passano una badilata di tempo sul web alla ricerca di nuove avventure, beh, non ci vuole la sfera di cristallo per capire che prima o poi ci riuscirà. Secondo Divorce Online, una richiesta di separazione su 5 ha proprio alla base il troppo tempo trascorso sui Social.

Ma non siate serene nemmeno a pensare che la convivenza rafforzi e rassereni i rapporti contro il tradimento. L'ennesima ricerca pare abbia dimostrato che le coppie che vivono insieme senza sposarsi abbiano addirittura il 40% in più di rischio per tradire il proprio partner.

Il matrimonio è la tomba dell'amore? A quanto pare no, almeno sessualmente. Ma se vi siete prese uno già sposato, allora la situazione cambia: una ricerca del 2009 condotta su 100 persone sposate o conviventi da più di 5 anni, ha evidenziato che un matrimonio alle spalle aumenti la possibilità di essere traditi in modo esponenziale (insomma, il vizio non viene perso: perché se ho mollato lei per te non posso mollare te per un'altra?).

Ma non basta. Come ci hanno sempre raccontato i nostri vecchi, (detti popolari inclusi), anche chi è troppo religioso pecca parecchio. Secondo il sito di incontri clandestini illicitencounters.com, chi ha vissuto in modo troppo religioso e dedito a tutto ciò che è rinuncia, sono più inclini al tradimento. E se non vi basta, sappiate che nelle campagne e nelle periferie si consumano di più i tradimenti (forse perché in città diventa tutto più difficoltoso?)

Poi ci sono le situazioni scontate: arriva troppo tardi dal lavoro, troppe riunioni, troppo perso nei suoi pensieri, profumi vari, docce sospette....

Ma se volete la scusa più bella, puntate alto: secondo la London School of Economics and Political Science anche il quoziente intellettivo è responsabile dei tradimenti. Più è alto il Q.I., meno si avrà la possibilità di essere traditi.

Come, dire, muscolo è bello, ma intelligente è una certezza.



Commenti

Post popolari in questo blog

Charlie finalmente morirà (e no, non è stato anche figlio tuo): quando il silenzio non c'è

Lettera di Hashimoto (non siete psicopatiche e basta)

Cosa colpisce la tiroide? Ecco gli organi bersagliati quando non funziona bene