21 febbraio 2010

Charles Baudelaire Spleen e ideale - De Profundis Clamavi




Imploro pietà da Te, l'unica che io ami, dal fondo dell'anima in cui è caduto il mio cuore. 


È un universo tristissimo, dall'orizzonte plumbeo, e vi si muovono, la notte, l'orrore e la bestemmia;un sole privo di calore si libra sopra per sei mesi, gli altri se la notte copre la terra; è un paese più nudo della terra polare: né bestie, né ruscelli, né verde di boschi!

Non v'è orrore al mondo che sorpassi la fredda crudeltà di questo sole di ghiaccio e di questa immensa notte simile al vecchio Caos;
io invidio la sorte dei più vili animali, che possono inabissarsi in uno stupido sonno, tanto lentamente si dipana la matassa del tempo.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

J-Ax & Fedez - La finale. (Ma infondo è solo un nuovo inizio)

San Siro resta sempre San Siro soprattutto quando si tratta di concerti. Per non parlare di quelli estivi. 79.500 presenze sono sicura...