19 febbraio 2010

Charles Baudelaire, spleen e ideale, elevazione



Al di sopra degli stagni, al di sopra delle valli, delle montagne, dei boschi, delle nubi, dei mari, oltre il sole e l'etere, al di là dei confini delle sfere stellate,spirito mio tu ti muovi con destrezza e, come un bravo nuotatore che si crogiola sulle onde, spartisci gaiamente, con maschio, indicibile piacere, le profonde immensità.

Fuggi lontano da questi miasmi pestiferi, va' a purificarti nell'aria superiore, bevi come un liquido puro e divino il fuoco chiaro che riempie gli spazi limpidi.


Felice chi, lasciatisi alle spalle gli affanni e i dolori che pesano con il loro carico sulla nebbiosa esistenza, può con ala vigorosa slanciarsi verso i campi luminosi e sereni;
colui i cui pensieri, come allodole, saettano liberamente verso il cielo del mattino; colui che vola sulla vita e comprende agevolmente il linguaggio dei fiori e delle cose mute.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

J-Ax & Fedez - La finale. (Ma infondo è solo un nuovo inizio)

San Siro resta sempre San Siro soprattutto quando si tratta di concerti. Per non parlare di quelli estivi. 79.500 presenze sono sicura...